In vista delle elezioni politiche per il rinnovo del Parlamento italiano indette per il 4 marzo 2018, i cittadini italiani residenti all’estero, iscritti nelle liste elettorali della circoscrizione estero, potranno esercitare il proprio diritto al voto per corrispondenza.

I cittadini iscritti all’AIRE sono invitati a verificare la propria posizione anagrafica (con particolare riferimento all’indirizzo di residenza dove potranno ricevere il plico elettorale) presso il proprio Ufficio consolare di riferimento.

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle elezioni per il rinnovo del Parlamento, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza inviando un’apposita richiesta al Comune di residenza secondo le modalita’ sotto indicate (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell’art. 4-bis).

Si rammenta che ai sensi dell’art. 48 della Costituzione italiana il voto è personale ed uguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico. Ne deriva l'obbligo di assicurare la custodia del plico che verrà inviato per posta, nonchè il divieto di cessione a terzi del materiale elettorale. In caso di violazione di quanto sopra verranno applicate le penalità previste dall'art. 18 della Legge 459/2001.

Questo Ufficio, su istruzioni del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha introdotto sull'esterno dei plichi elettorali, nel pieno rispetto del principio della segretezza del voto, un codice a barre per assicurare una maggiore tracciabilita' dei plichi stessi, nonche' per il piu' accurato controllo sui rilasci di eventuali duplicati