Napoli ed Atene

"Fari della Cultura"

 

Collegati da un immaginario,  ma solido, ponte culturale che unisce realtà territoriali affini per storia e cultura. Giovedi 22 ottobre, presso la Pinacoteca del Pireo, si è tenuto il primo scambio culturale-musicale tra Grecia e Italia. Francesco Spinosa, organizzatore da otto anni, della Crociera della Musica Napoletana, promuove la valorizzazione del patrimonio culturale napoletano, grazie a questo convegno itinerante nel Mediterraneo.

 

 

2015-10-22_Atene_Crociera della canzone napoletana (1)
peiraus_1
2015-10-22_Atene_Crociera della canzone napoletana (8)
peiraus_2
peiraus_5
peiraus_7
peiraus_6
peiraus_8
peiraus_3
2015-10-22_Atene_Crociera della canzone napoletana (3)
peiraus_4
peiraus_9

A presenziare la delegazione napoletana il suo massimo esponente: il cantautore Peppino di Capri. Con lui la cantante Annalisa Martinisi, il maestro Aniello Misto, la giornalista e scrittrice Giuliana Gargiulo, consigliere del Teatro Stabile di Napoli. A ricevere gli ospiti la direttrice dell' Istituto di Cultura del Comune del Pireo Litsa Bafouni. In rappresentanza del Comites-Grecia la presidente Luisiana Ferrante, il consigliere esecutivo Giovanni Albino, insieme a noi il mezzo soprano Kassandra Dimopoulou e il tenore Filippos Modinos, hanno interpretato romanze dalla Carmen e dal Barbiere di Siviglia e per finire una splendita interpretazione della canzone ''O Sole Mio'', entusiasmo del pubblico...STANDING OVATION! Peppino di Capri, pur avendo dichiarato la sua impossibilità di cantare al mattino, si è entusiasmato a tal punto, da dedicare alla platea la canzone ''Luna Caprese'', da lui stesso suonata al piano. Infine scambio di doni, il Comites ha offerto due quadri dipinti dal consigliere Giovanni Albino: ''Elleniko Kaffenio'' per la giornalista Giuliana Gargiulo e ''Ritratto di Donna'' per Peppino di Capri.

I tempi brevissimi di permanenza della delegazione hanno impedito di dare uno spazio piu' ampio all' organizzazione dell' evento. La partecipazione del Comites-Grecia è stata a dimostrare di voler essere presenti per sostenere, continuare e ampliare ogni espressione di italianità in questo paese cosi' accogliente.

 

''Un caro saluto a tutta la compagnia.

Ci auguriamo che i pochi istanti passati insieme, pochi ma calorosi, rimangano un piacevole ricordo. Per noi lo e' stato di certo!

A presto arrivederci. ''